Octagona Srl/News/Industria, sviluppo, lavoro: l’India di Modi non ha più alibi
Industria, sviluppo, lavoro: l’India di Modi non ha più alibi

Industria, sviluppo, lavoro: l’India di Modi non ha più alibi

Il parere di Alessandro Fichera sull’attuale situazione in India, a seguito della recente vittoria di Narendra Modi, all’interno di un’analisi de Il Sole 24 Ore.

Durante i cinque anni del primo Governo Modi, l’economia indiana è cresciuta in media del 7,5% l’anno e ha più volte strappato alla Cina, che rallentava, la maglia rosa di grande economia a più rapida crescita al mondo. Un’accelerazione da un lato macchiata da polemiche sull’attendibilità delle statistiche ufficiali e dall’altro non sufficiente a mantenere uno dei molti impegni presi con l’elettorato: garantire ai 10-12 milioni di giovani indiani che ogni anno bussano al mercato del lavoro un impiego, magari anche ben pagato. La disoccupazione al contrario è salita: l’India non rilascia dati da due anni, ma un report dell’ufficio di statistica filtrato ai media (e smentito dal Governo) attesta i senza lavoro al 6,1%, ai massimi da 45 anni. Centri studi indipendenti la registrano oltre il 7%. Secondo la Confederation of Indian Industry, il Pil indiano deve crescere almeno del 10% per assorbire la domanda di lavoro.

L’economia è però entrata in una fase di raffreddamento. Nell’ultimo trimestre, il Pil è cresciuto del 5,8% (meno della Cina, stavolta), dal 6,6% dell’ultimo trimestre 2018, al passo più lento da 17 mesi. Sono ormai cinque i trimestri in frenata e nell’anno di bilancio 2018-19, il Pil si è fermato al 6,8%, dal 7,2% del 2017-18. Il dato più basso da 5 anni. Nell’ultimo trimestre, la crescita degli investimenti si è fermata al 3,6% su base annua, dall’11,7% dei tre mesi precedenti. Sono invece più che raddoppiati i consumi pubblici, «grazie alla spesa elettorale», nota Prakash Sakpal di Ing Economics.

Anche l’obiettivo di industrializzare l’India, facendone un hub mondiale della manifattura, resta lontano. Il piano Make in India, incentivi agli investimenti e attrazione dei capitali esteri (provando a replicare un modello di sviluppo cinese proprio mentre Pechino lo abbandona), non ha dato i risultati sperati: gli investimenti diretti esteri sono arrivati (44,4 miliardi di dollari nel 2018, secondo gli ultimi dati ufficiali), ma il manifatturiero resta attorno al 18% del Pil, dal 15% del 2014.

 

L’India continua a crescere

La medaglia della demonetizzazione ha un’altra faccia. È anche grazie a quell’operazione che oltre 200 milioni di persone hanno ottenuto un conto corrente in banca: un altro significativo passo avanti per il Paese. Come pure l’apertura di molti settori dell’economia agli investimenti esteri, l’adozione di un nuovo codice fallimentare e la digitalizzazione del Paese. L’Esecutivo non ha mancato di energia e iniziativa e ha lanciato numerosi programmi per migliorare la vita quotidiana della popolazione. A cominciare dalle condizioni igieniche e sanitarie: durante il primo mandato Modi, le case dotate di un bagno sono passate dal 40 al 95%. I villaggi raggiunti dalla corrente elettrica erano meno del 40%, ora lo sono quasi tutti.

Nella lotta al caro vita, il Governo ha potuto contare sull’incisiva azione della Banca centrale (Rbi), che, sotto la guida di Raghuram Rajan prima e Urjit Patel poi, ha messo le briglie a un’inflazione che viaggiava a due cifre, con picchi nel segmento alimentare. Una tassa sulla povertà, come la definiva Rajan: un’impennata del prezzo delle cipolle poteva facilmente dare il via a disordini sociali gravi. Ora l’inflazione (core) viaggia sotto al 3%. Ma Rajan e Patel sono stati messi nelle condizioni di lasciare la guida della Rbi, per contrasti con l’Esecutivo su tassi (il Governo li voleva bassi) e risanamento del sistema bancario dai crediti in sofferenza ( pari al 10%, che sale al 15% per gli istituti pubblici).

L’India contende al Regno Unito il posto di quinta potenza economica al mondo e alla Cina quella di Paese più popolato (1,3 miliardi di abitanti). Ma se Pechino ha problemi di invecchiamento, in India metà degli abitanti ha meno di 25 anni. Un dividendo demografico che rischia di essere sprecato. Con altri cinque anni di mandato, Modi può portare avanti l’ambizioso progetto di trasformare il Paese. E se a ottobre sfrutterà l’onda lunga del voto e vincerà le elezioni in tre Stati chiave, potrà assicurarsi la maggioranza anche alla Camera alta del Parlamento. Sarebbe il tassello mancante: durante il primo mandato, fu proprio la Camera alta (dove era in minoranza) a bloccare molti dei suoi progetti.

La Borsa ci crede e viaggia attorno ai massimi. “Un segnale molto importante”, sottolinea Alessandro Fichera, managing director di Octagona, che invita a non farsi spaventare troppo dalla frenata del Pil. “Gli andamenti di Borsa in India – spiega – sono molto indicativi di cosa succederà nell’economia”. La tassa sull’acquisto di beni e servizi (Gst), continua, è ormai a regime e dovrebbe cominciare a sostenere l’attività economica. La nuova legge sui fallimenti rende più certi tempi e procedure. “In più, ora c’è un quadro politico di forte stabilità, che permette di superare le incertezze della vigilia del voto, quando si pensava che Modi potesse vincere, ma senza un’affermazione netta”.

 

Per leggere l’articolo completo de Il Sole 24 Ore clicca qui

 

LEGGI ANCHE:

L’India sostituirà la Cina nel commercio internazionale?

Il successo delle imprese italiane in India

Opportunità nel mercato Indiano: la destinazione ideale per il tuo export

CONDIVIDI ARTICOLO

Se vuoi approfondire il contenuto di questo articolo

ARTICOLI RECENTI

Come esportare Made in Italy in Germania? Ecco tutto quello che devi sapere

Come esportare Made in Italy in Germania? Ecco tutto quello che devi sapere

Scopri come fare per esportare Made in Italy in Germania e aumentare così i profitti della tua azienda all'estero, in questa guida completa.

Le 3 tendenze del 2023 sul Digital Export

Le 3 tendenze del 2023 sul Digital Export

Scopri le tendenze su cui puntare nel 2023 per il Digital Export del tuo business dando nuovo impulso ai fatturati della tua azienda.

Vendere all’estero: i settori vincenti anche per le PMI

Vendere all’estero: i settori vincenti anche per le PMI

Sei una PMI interessata a vendere all'estero? Scopri su quali settori e mercati internazionali devi assolutamente puntare.

Form di
contatto

Sei interessato al nostro servizio?
Compila il form o contattaci al numero
+39 059 9770184